• Home
  • keyboard_arrow_right News
  • keyboard_arrow_right Il microcredito nel decreto “Cura Italia”

News

Il microcredito nel decreto “Cura Italia”

micreohub 3 Aprile 2020 6


Background
share close

Con il decreto “Cura Italia” il microcredito viene ampliato sino a 40 mila euro.
Aumenta l’importo del Microcredito che da 25 mila euro passa ai 40mila euro. Tra le agevolazioni per famiglie ed imprese messe in campo con il decreto “Cura Italia”, alcune misure riguardano anche l’attività di Microcredito. In particolare il decreto stabilisce che le società di Microcredito e le banche possono da ora erogare fino ad un massimo di 40mila euro, a cui si aggiungono ulteriori 10mila euro dopo 6 mesi qualora verificato l’avanzamento del progetto d’impresa, per un credito complessivo di 50 mila euro.
Obiettivo del decreto è ampliare le risorse finanziare a favore delle imprese per 9 mesi dall’entrata in vigore. In questa fase di emergenza sanitaria lo strumento del Microcredito sarà molto importante per dare aiuto alle imprese del territorio.
Al Microcredito possono accedere imprese individuali, comprese le imprese artigiane, agricole e i coltivatori diretti; professionisti iscritti ad albi; associazioni; società di persone; società a responsabilità limitata semplificata; società cooperative. Possono presentare domanda di microcredito anche le persone fisiche non titolari di partita iva, con progetto di startup. La creazione dell’impresa sarà obbligatoria solo al momento della sottoscrizione del contratto di microcredito.

Rate it
Previous post